Sei sicuro di conoscere tutto sulla città di Dublino?

Ecco alcune curiosità sulla capitale irlandese che forse non sai.

1. Dublino e lo stagno nero

Il nome Dublino deriva originariamente dal gaelico Dubh linn, che significa ”stagno nero”.

Il nome si riferiva a un piccolo lago collegato al fiume Liffey dall’affluente Poddle.

Sulle sponde del Poddle si trovava l’insediamento dei vichinghi che veniva chiamato appunto Dubh linn.

Il nome in gaelico moderno scelto dal governo irlandese è invece Baile Átha Cliath che significa “la città del guado degli ostacoli di canna”.

2. La statua di James Joyce

statues-dublin-1.jpg

La statua di James Joyce in Earl Street viene chiamata ”The prick with the stick” (l’ idiota col bastone).

3. Saint Valentine a Dublino

Parte delle reliquie di San Valentino, santo martire, si trovano nella chiesa carmelitana Whitefriar, non molto lontano dal centro.

Sembrerebbe che le reliquie siano state donate da Papa Gregorio XVI al Carmelitano Irlandese John Spratt che le portó a Dublino nel 1836.

4. Molly Malone

MollyMalone

Personaggio famoso di Dublino, diventato ormai simbolo della città.

Molly Malone è la protagonista del famoso brano musicale ”Molly Malone, Cockles and Mussels”, inno ufficioso della città di Dublino.

Viene descritta come una giovane pescivendola del villaggio di Howth, morta in giovane età a causa della  febbre tifoide.

Pare che alternasse il suo mestiere di pescivendola con quello di prostituta: non a caso, in slang dublinese, la statua viene chiamata “The tart with a cart” (La sgualdrina con la cariola)

A detta degli storici, Molly non è mai esistita e il brano sembrerebbe sia stato scritto in Scozia.

La data di realizzazione è tuttavia incerta così come l’ autore ed il compositore musicale.

In Dublin’s fair city, where the girls are so pretty I first set my eyes on sweet Molly Malone As she wheeled her wheel-barrow Through streets broad and narrow Crying cockles and mussels, alive, alive-O! Alive, alive-O! alive, alive-O! Crying cockles and mussels, alive, alive-O! She was a fish-monger, but sure ‘twas no wonder For so were her father and mother before And they each wheeled their barrow Through streets broad and narrow Crying cockles and mussels, alive, alive-O! Alive, alive-O! alive, alive-O! Crying cockles and mussels, alive, alive-O! She died of a fever, and no one could save her And that was the end of sweet Molly Malone But her ghost wheels her barrow Through streets broad and narrow Crying cockles and mussels, alive, alive-O! Alive, alive-O! alive, alive-O! Crying cockles and mussels, alive, alive-O!

Annunci

2 Comments on “4 cose che (forse) non sai di Dublino

  1. Quella di dare nomignoli alle opere d’arte cittadine dev’essere un vizio tutto irlandese: l’enorme “Beacon of Hope” sul fiume Lagan a Belfast viene anche chiamata “The thing with the ring”. 😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: