Advertisements

Seleziona la lingua

Home > Blog > Racconti > Natale alle porte: quelli che vanno, quelli che rimangono

Natale alle porte: quelli che vanno, quelli che rimangono

Il Natale è alle porte ormai e a questo punto le ”sorti” di molti noi expats saranno già state decise.

Chi tornerà a casa nella terra d’ origine a trascorrere le festività natalizie e farà dello sfrenato, impazzoso shopping per riportare ad amici e parenti i regali più belli; chi invece si starà organizzando e abituando all’ idea che non rientrerà e dovrà prepararsi a trascorrere questi giorni, che sono sinonimo di intimità, famiglia e calore, proprio qui nella terra ospitante.

Io quest’ anno, come già da un paio di anni, faccio parte della seconda categoria.

Una mia amica dall’ Italia verrà a passare il Natale qui da me, così con lei, ci sarà una piccola parte della mia casa, terra d’ origine.

Ho già programmato le giornate della vigilia, del Natale e di Santo Stefano.

A parte le super abbuffate che faremo alla vigilia e durante la giornata di Natale, a Santo Stefano, proprio come vuole la tradizione, giocheremo a tombola e a carte ( quelle napoletane).

4633376_orig

E’ d’ obbligo per l’ occasione avere soldi spicci in tasca e clementini sulla tavola per accompagnare la fase del gioco (non si sa mai poi che le cartelle della tombola siano rotte e serva in quel caso un pezzetto di buccia per coprire il numero chiamato).

A parte sapere con chi trascorrerò queste festività, devo tuttavia ancora scegliere il menu (preparare il turkey come fanno gli irlandesi è fuori discussione).

Comunque, in questi giorni, mi tocca dedicarmi allo shopping del food e dell’ alcohol, dopodichè più o meno il tutto è fatto.

Sarò più o meno impegnata tra acquisti e salutare chi tornerà a casa per le vacanze natalizie, quindi colgo l’ occasione con questo post per augurare a tutti voi un sereno Natale.

A tutti gli expats.

Quelli che vanno, quelli che rimangono.

Marry Christmas.

Advertisements
Posted by

Rory

Hey folks!
My name is Aurora, but you can call me Rory.
My mom used to call me Rory and I love it!
Some time ago I decided to move to the Emerald Island, and I planned to stay only one year.
And guess what?
After 9 years, I am still living in Dublin and I am not alone!
She is more than a husband to me and is certainly the most beautiful thing I have ever seen in my life.
Her name is Asia, a 8 years old little girl who calls me "mamy"!
Together we make a good team, and I cannot imagine my life without her.
Single mother for choice, I believe that we all should look at the bright side of our experiences, learn something from them and keep moving forward.
That's how I do, that's how we do!
Discover more about me and my adventures in a foreign country that I call HOME now!

You may also like...

%d bloggers like this: