Qualche giorno fa sono capitata in questa deliziosa libreria.

Un’altra piccola gemma di Dublino, scoperta quasi per caso.

Si tratta della Marsh’s Library, la biblioteca pubblica più antica d’Irlanda.

La biblioteca fu fondata nel 1707 dall’arcivescovo anglicano Narcissus Marsh e conserva testi e manoscritti europei datati tra il quindicesimo e il diciottesimo secolo.

20562008_10214704559990940_891400528_n

La Biblioteca è situata proprio accanto la Cattedrale di San Patrizio, quindi in un’area abbastanza centrale della città.

Premetto che non avevo nessuna idea di cosa io ed Asia saremmo andate a visitare, come vi ho già detto prima, tutto è accaduto quasi un pò per caso.

Non appena varchiamo l’ingresso della Biblioteca veniamo accolte e approcciate da una volontaria che ci introduce alla storia della Biblioteca.

Ascolto con attenzione la storia, penso agli scrittori James Joyce e Bram Stocker, che tra gli scaffali polverosi di questi libri antichi, hanno scelto la sala lettura di questa biblioteca per fare le loro ricerche.

Capisco così di essermi andata a infilare in un posto magico.

Respiro l’ odore dei libri antichi e mi immergo in questa unica atmosfera.

Inizio questo viaggio nel tempo, percorrendo i silenziosi corridoi rimasti immutati per quasi 300 anni.

La biblioteca si dispone in tre piccole sale che insieme formano una ”L”.

La Prima Galleria ospita una collezione di 10.000 libri appartenuti a Edward Stillingfleet, figura ecclesiastica di rilievo del diciassettesimo secolo.

La collezione comprende volumi di vario genere: storia, scienze, lettere classiche, scienze politiche.

Dopo la Prima Galleria, si passa alla Vecchia Sala di Lettura.

Proprio al tavolo di questa sala si sedettero per consultare i libri della biblioteca, personalità le cui opere e il tempo hanno reso note comeJames Joyce, Bram Stocker e Jonathan Swift.

Nella Seconda Galleria si possono ammirare invece le gabbie, costruite probabilmente tra il 1775 e il 1800.

20562888_10214704649913188_64980325_n

Sembra che un tempo i lettori venivano rinchiusi per prevenire il furto dei libri.

Sempre nella Seconda Galleria è possibile sedersi a una scrivania e scrivere con una penna d’oca.

20561757_10214704654993315_1060235577_n

Durante la visita, Asia è stata ”incaricata” di trovare il ladro dei libri.

Una piccola caccia al tesoro l’ha portata a scoprire i vari personaggi in miniatura (Lego), nascosti negli angoli della Biblioteca.

E ovviamente è riuscita a trovare il tanto e ricercato ”book thief”!
20624133_10214704651753234_2113295840_n

Vale davvero la pena visitare questa Biblioteca, se avete bimbi a cui piacciono i libri, troveranno questa attività interessante e stimolante.

L’ingresso è libero per i più piccoli, agli adulti invece viene chiesto un contributo di 3 euro.

La visita alla Marsh’s Library merita davvero.

Sono stata davvero fortunata ad esserci capitata…

è proprio vero che i più bei incontri si fanno per caso.

Per maggiori info sulla Marsh’s Library, visitate il sito

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: